Giuliani nel Mondo Trieste – gennaio-marzo 2013 – TE LI GO PORTADI TUTI, BEPI! – La dinastia Iurman

Giuliani nel Mondo Trieste – gennaio-marzo 2013 – TE LI GO PORTADI TUTI, BEPI! – La dinastia Iurman
Pagina 10

Da Bahia Blanca, in Argentina, Lucio Iurman ci invia uno straordinario, appassionato e commovente testo intitolato “Delle vicissitudini di Bepi e dei  loro figlioli, Lucio, Elsa, Walter e Nadia”, che mette a nudo, con parole scaturite dal profondo dell’anima, momenti di trepidazione, di ansia durante quei tremendi periodi di attraversate dei nostri emigrati verso le terre del futuro. Frasi semplici ma cariche di emozioni, di vita vissuta. Grazie Lucio.

TE LI GO PORTADI TUTI, BEPI!

El mar iera relativamente tranquilo quela note. Iera la ultima de quel viagio che la portava a una terra sconossuda, dove la spettava Bepi, el suo omo, suo marí, el papá de quei pici che i dormiva acanto suo, nel  cameron de done. Un’ ombra vizin dela  cuceta dove riposava i gemei la ga soprasaltá.

L’istinto de madre ghe ga fato meter automáticamente el brazo protetor sui picinini.  La ga acomodà la vista al scuro e la ga riconossú nel’ ombra al comissario de abordo, al che molte volte la gaveva scoverto de note contemplando a quei gemei de un ano  e mezzo in silenzio, durante tempi lunghi. A volte la ga credú incluso de indovinar qualche lagrima nei oci de quel omo indurido per tanti viagi lungo mari no sempre calmi come quel de questa note. Che pena, che  drama se scondaria al interno de quel omo  che adesso la vedeva come, in un súbito movimiento, el stampava un baso in quele due fronti picoline dormide, per scampar corendo verso la coperta dela nave?

Questo la ga finí de sveiar. E la ga comincià a recordar…  Iera zá quasi due ani che Bepi (quando la se rabiava la lo ciamava Bepo) la gaveva lassada per tentar fortuna in quela America  sconossuda, che domani finalmente la conossaria. La gaveva lassada con due fioi grandetti, Lucio de dieci ani e Elsa de nove.  In piú, el suo ventre ospitava al terzo, al qual el papá no vedaría nascer, perché el parto xé stá ai venti giorni dela partenza, quando Bepi se trovava in alta mar, come ela la iera adesso.  E no iera risultà uno solo. Iera gemei. E la li ga dovú ricever sola, in casa sua, in compagnia dela comadrona e dei sui altri due fioi, pianzendo de alegría per lori, de tristeza per no poder compartir quel momento sublime con el amor dela sua vita. 

Iera stá ala fine de otobre Vegniva l’inverno.  Là xé andada la letera dizendoghe al suo Bepi che nol gaveva un fio in piú, ma due, e che la gaveva usá  i due nomi che i gaveva pensá, a seconda  che la criatura fossi maschio o femina. “Te ga  a Walter e a Nadia”, diseva la letera. “Mi te li  atenderó”.

No xé stá facile. Quel inverno el vegniva duro. I pici i se ga amalá. Bisognava  atenderli giorno e note, medicarli, farghe  punture. E ela la ga trová forze dove no la pensaba de averle, e la ga lottá e lottá. Fin  cavarli fora. Anche le sue cognade, le sorele de Bepi, cole quali le miserie proprie de  quela guera apena finida a volte la gaveva  distanziada, le se ga somá a quela bataglia  titanica per salvar quele due vite tanto fragili, che i dotori no i gaveva avudo el coragio  de assicurar che i sopraviviria.

Ma ela doveva lotar per i due, la doveva esser padre e madre, no la gavaria rilievo, le ventiquatro  ore iera sua la risponsabilità, e la lo ga fato, e la gaveva vinto. Adesso, a quei due ani de  distanza, nela calma de quel cameron, la se sentiva piena de orgoglio contemplando  quei due bei viseti de angeli indormenzai acanto de ela. E la sentiva una pena profonda pel drama che la se imaginava nel baso fugace e furtivo che la finiva de veder.

No iera stada l’unica ocasión dove fossi messa in pericolo la fine dela sua mission.  Lucio studiava in ginasio. El gaveva assai facilità  pel studio El podaría forse aver l’oportunità de far una cariera universitaria. I sui zii, i fradei de Bepi, i pensaba che iera una pena che tanta possibilità rimanessi trunca  al andar in una campagna che se idealizzava come la pampa dei film, aperta e libera, ma senza scuole superiori. E i zii i pressionava.  Lucio restaría con lori, i lo atendería, i lo faria  studiar e dopo, forsi, i ghe lo mandaria. I metaria in lui tuto el suo amor de familia, i saria i sui genitori in tuti i sensi, i ghe diseva.

Ela iera sicura che i compiria tute le sue promesse. Ma come la se presentaria davanti al suo Bepi disendoghe: “Go lassá uno là. Forsi xé pel suo ben.” Mai.   E là iera Lucio, nela  parte alta dela cuceta vicina. El iera picio ancora. Nol podeva dormir separado e solo. Cosí che i ghe lo gaveva destiná al cameron  dele done.

E Elsa? Che bela che la iera! Con ela la gaveva  avudo l’ultima tentazion. Cosí come iera sucesso prima coi sui vicini in contrada, che i se emozionava al vedela sola e con tuti  quei fioi, e che i ghe portava tante volte de  magnar e consolazion, lo stesso iera acadú solo pochi giorni fa, in quela stessa nave che  stava avicinandose a quela America sognada, ammirada, ma al stesso tempo temida  per sconossuda.

A coperta, l’unico posto sula nave dove i inmigranti de terza clase i se vedeva coi passegeri dela seconda e prima, un matrimonio de certa età se gaveva oferto a farse carico dela sua Elsa cara, de  quela Elsa che la gaveva dovú farse matura  prima de tempo, perché iera necessario un brazo in piú per sostener a quele due creature nate con un padre assente. No iera nissun motivo per pensar che la oferta no fossi sincera. Sicuramente quei che la fazeva  i gaveva le meio intenzioni de aiutar a quela  povera inmigrante, sola e tanto cariga de  fioi. No saria meio per Elsa lassar forse una probabile vita de povertà e frustrazioni, e entrar in quel mondo che se vedeva con tante promesse? De novo no, no e mille volte no! Poveri, ma insieme.

La sirena dela neve se fazeva sentir. La anunciava  el arivo a Buenos Aires. Bisognava prepararse  per sbarcar. La doveva star atenta per la confusión che se podaría dar in quel ultimo momento. No fossi cosa de fallir nel istante final. “Lucio e Elsa, ciapé un picio ognidun, andé in coperta e guardé se vedé a papá. Mi resto a ocuparme dele nostre robe.”  E là xé andai i grandi, ognun con un gemel.

La nave se avicinava al molo. Malgrado la  confusión regnante, i ga rivá a veder al padre e, traverso la baranda, i ghe ga passá ai gemei che, al ano e mezzo, i stava per prima  volta in brazo del che fin quel momento  solo i conosseva in fotografía. Subito, i grandi  i xé tornai zó in zerca de mama.

Pochi minuti dopo, i sei se confondeva in un abrazo senza fine. E in quel momento de suprema  felicità, Amabile solo la ga possú dir:  “TE LI GO PORTADI TUTI, BEPI!”.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La dinastia Iurman

Nello scorso numero abbiamo pubblicato  due immagini di Lucio Iurman e dei componenti  familiari la loro dinastia.  Nel ringraziarci Lucio però ha voluto aggiungere   che tutti i quattro fratelli – indicati  nel racconto – compreso lui vivono in Argentina  e che i due maggiori sono ritornati  a Trieste ed hanno incontrato i loro cugini, amici e tanti e tanti triestini ed istriani.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s